esposizioni

Dal 12 dicembre 2017 al 26 gennaio 2018

invito_bianco_DEF_72

Dal 3 dicembre 2017 al 2 gennaio 2018

Tomasi - invito - Sežana_A_72

Tomasi - invito - Sežana_B_72

 

Doppio Gioco
Il fascino dell’incisione è l’astrazione che il bianco della superficie e il nero dell’inchiostro sottendono. Per la sua stessa natura si avvale di due procedimenti perfettamente contrarî: può essere in cavo o in rilievo, in un doppio gioco di capacità espressive che si amplificano grazie a una possibile moltiplicazione ponendoci di fronte a un’opera che potenzialmente non è unica. Inoltre ogni segno rimane sulla lastra per sempre, senza possibilità di essere cancellato, ritoccato, modificato a posteriori.
Per le sue intrinseche caratteristiche l’incisione fa suo quel procedimento «in negativo» che Plinio il Vecchio riconosce come nascita della pittura, come atto di circoscrivere l’ombra, sublimando il disegno, il segno grafico.
Nel suo fare puntiglio, preciso, ritmico Fulvio Tomasi ci introduce, foglio dopo foglio, stampa, dopo stampa, in un universo d’ombre, sotterraneo, labirintico quanto l’inconscio freudiano.

Entrare nel mondo di Fulvio Tomasi è avanzare per ironici paradossi. Le figure s’inventano attorno alle loro teste. Le teste si formano attorno agli occhi. Gli occhi si amplificano attorno al nero delle pupille. Uno spazio ne fagocita un altro. Un anfratto apre su una voragine. Un’ombra illumina la luce. Lo spazio si costruisce in un gioco di segni che ci portano verso il baratro. Paure, pregiudizi, superstizioni, tabù segnano i nostri limiti, confinandoci nel ridicolo emanato della nostra stessa pochezza. Il nero ingigantisce, esaspera i tratti, come le ombre creano figure deformi che alimentano le nostre paure come la legna il fuoco.

Nell’alternanza di zone chiare e scure disegna oggetti, persone, animali e contemporaneamente ci parla di qualcosa di incorporeo, che diventa reale solo perché può essere guardato, e quindi rappresentato, ma che non è necessariamente tangibile.
Gli esseri umani si deformano trasformandosi in creature altre, diverse, difformi.
L’ombra ne sottolinea la corporeità a garanzia della loro consistenza, della loro stessa esistenza. Ma in fondo non sono che esteriorizzazioni di introspezioni e demoni che abitano le nostre anime e i nostri luoghi.

L’amplificazione del bianco, puro, tagliente risulta essere uno strumento per evidenziare le peculiarità e i limiti dei personaggi. L’iperbolizzazione dei contrasti e l’esagerazione dei volumi sono le chiavi di lettura dei nostri eccessi e lo stesso colore, che inizia a fare capolino, non è altro che una sottolineatura, un rimarcare le nostre contraddizioni e le nostre non-possibilità.

Isabella Bembo

Dvojna Igra
Čar gravure je nedvomno v abstrahiranju beline površja in črnine obrisov. Postopek temelji na dveh nasprotjih: vdolbeni in reliefni površini. Gre za dvojno ustvarjalno igro, ki ravno zaradi možnosti razmnožitve ponuja nešteto izraznih oblik. Umetnine so zato večplastne in nikoli niso edinstvene. Poleg tega vsak znak ostane na matrici za vedno, nemogoče ga je naknadno izbrisati ali popraviti. Pri graviranju umetnina nastaja iz negativa. Plinij Starejši je trdil, da ta postopek predstavlja začetek slikarstva. Gre za poskus omejevanja temine in sublimacije motivov, grafičnih znakov. Fulvio Tomasi nas s svojim natančnim in ritmičnim ustvarjanjem z vsako tiskovino in z vsakim listom popelje v svet senc, v podzemni svet, ki je zapleten kakor freudovska podzavest.

Svet Fulvia Tomasija je svet ironičnih paradoksov. Podobe nastajajo okrog glav. Glave dobivajoobliko okoli oči. Oči se širijo okoli črnine zenic. En prostor prehaja v drugega. Ožine se širijo v globeli. Sence osvetljujejo prostor. Prostor nastaja v igri potez, ki nas vodijo v prepad. Človeška omejenost se kaže v strahovih, predsodkih, vraževernosti in tabujih, ki nas priklepajo v omejen, nepomemben svet. Črna barva povečuje in poudarja poteze, sence pa ustvarjajo pokvečene oblike, ki nas navdajajo s strahom in prilivajo olja na ogenj.

Z alternacijo svetlobe in teme umetnik zarisuje predmete, osebe in živali, obenem pa pripoveduje o netelesnosti. Ta je del resničnosti v kolikor jo lahko vidimo in torej upodobimo, istočasno pa ni nujno oprijemljiva.
Človeške figure se deformirajo in se spreminjajo v drugačna, brezoblična bitja.
Sence poudarjajo njihovo telesnost in so dokaz, da te figure res obstajajo, čeprav so samo izraz
človeškega samoopazovanja in demonov, ki prebivajo v naši duši in v naši intimi.

S čisto in rezko belino umetnik poudarja posebnosti in omejenost svojih likov. Močni kontrasti in pretirana velikost sestavnih delov njegovih umetnin sta ključ za razumevanje človeških ekscesov, barva, ki se postopoma prikrade v umetnikova dela, pa zgolj poudarja človeška protislovja in naše (ne)zmožnosti.

 Isabella Bembo

Dal 23 novembre 2017 al 31 gennaio 2018

l'arca degli artisti loca_Layout 1